Per il tuo 730, noi ci siamo!

Fissa il tuo appuntamento presso i nostri sportelli 


Il Modello 730 non è “una”, ma è “la” dichiarazione dei redditi. È la più diffusa, la principale, e viene fatta tutti gli anni dalla maggior parte dei contribuenti, prevalentemente da lavoratori dipendenti e pensionati.

 

Inoltre, il Modello 730 può essere presentato da altri soggetti, come ad esempio da chi ha percepito anche redditi da lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita Iva.

 

Deve essere consegnato all’Agenzia delle Entrate entro il 30 settembre. Il contribuente può compilare e spedire autonomamente il Modello 730, assumendosi la piena responsabilità di quanto dichiarato, oppure può rivolgersi a CAF ACLI Bergamo per farsi assistere nella compilazione, delegando così la responsabilità all’intermediario fiscale. 

My Caf


Vuoi prenotare e gestire la tua pratica comodamente da casa? 

Accedi al portale myCAF e scopri le funzionalità. L'iscrizione all'area riservata è gratuita e non comporta costi aggiuntivi sugli eventuali servizi che saranno richiesti presso le nostre sedi.

pdf

Tariffario Pubblico

Elenco completo delle tariffe di tutti i nostri servizi
Visualizzazioni : 1734
Data modifica: 28/02/2023
pdf

730 Elenco Documenti

Visualizzazioni : 764
Data modifica: 28/02/2023

COS’È IL MODELLO 730?

Il Modello 730 è la dichiarazione dei redditi che viene fatta tutti gli anni entro luglio. I contribuenti possono usufruire dei servizi CAF ACLI per compilarla e spedirla all’Agenzia delle Entrate, delegandone così la responsabilità a CAF ACLI stesso.

 

CHI DEVE PRESENTARE IL MODELLO 730?

Il Modello 730 è la dichiarazione dei redditi utilizzata dai lavoratori dipendenti e dai pensionati.

 

COSA VIENE DICHIARATO NEL MODELLO 730?

Nel Modello 730 il contribuente deve dichiarare tutte le informazioni fiscalmente rilevanti relative all’anno precedente, dal 1° gennaio al 31 dicembre. Principalmente si tratta di:

  • redditi da lavoro dipendente e assimilati;
  • redditi da pensione;
  • redditi di terreni e fabbricati;
  • redditi da lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita Iva;
  • redditi diversi.

QUALI SONO I VANTAGGI DELLA PRESENTAZIONE DEL MODELLO 730?

I lavoratori dipendenti e i pensionati che presentano la dichiarazione dei redditi con il Modello 730 hanno i seguenti vantaggi:

  • non devono eseguire calcoli e pertanto la compilazione è più semplice;
  • ottengono il rimborso dell’imposta direttamente nella retribuzione o nella rata di pensione: a partire dal mese di luglio per i lavoratori dipendenti, a partire dal mese di agosto o settembre per i pensionati;
  • se devono versare delle somme, queste vengono trattenute direttamente dalla retribuzione (a partire dal mese di luglio) o dalla pensione (a partire dal mese di agosto o settembre).

QUALI SONO I VANTAGGI DI COMPILARE E PRESENTARE IL MODELLO 730 INSIEME A CAF ACLI?

Scegliendo di affidarsi a CAF ACLI, la responsabilità di quanto viene dichiarato nel Modello 730 è dello stesso intermediario fiscale. Presso gli uffici di CAF ACLI è quindi sufficiente presentare la documentazione necessaria per l’elaborazione del 730, dopodiché, previa approvazione del contribuente, l’intermediario trasmette il modello all’Agenzia delle Entrate. Inoltre il contribuente affidandosi al servizio CAF ACLI:

  • delega all’intermediario la responsabilità degli eventuali errori commessi in fase di compilazione;
  • ha a disposizione un consulente fiscale che compila e verifica la dichiarazione dei redditi, inserendo tutte le spese utili per ottenere i principali sgravi fiscali;
  • ottiene il rimborso dell’eventuale credito in busta paga o sulla pensione.

È molto semplice fare la dichiarazione dei redditi tramite Modello 730 con l’aiuto di CAF ACLI Bergamo: basta prendere un appuntamento telefonando allo 035 0064064

Le istruzioni del 730 prevedono che il contribuente debba essere a conoscenza di alcuni dati, come ad esempio quelli riguardanti la Certificazione Unica, gli immobili posseduti o i compensi da lavoro autonomo.

Inoltre può scegliere se presentare il Modello 730 ordinario o il 730 precompilato. In entrambi i casi può affidarsi a CAF ACLI Bergamo per la compilazione, la verifica e l’invio della dichiarazione, delegandone ogni responsabilità all’intermediario fiscale.

 

Cosa contiene il Modello 730?

Com’è strutturato?

ll Modello 730 presenta inizialmente il cosiddetto “Frontespizio”, che contiene i dati del soggetto dichiarante, dei familiari a carico e del sostituto d’imposta. Seguono i “quadri” e le sezioni dove vengono invece dichiarate le relative tipologie di reddito, ad esempio:

  • Quadro A per i “Redditi dei terreni”;
  • Quadro B per i “Redditi dei fabbricati”;
  • Quadro C per i “Redditi di lavoro dipendente e assimilati”.

Seguono gli altri quadri tra cui quelli relativi agli oneri e alle spese deducibili e detraibili, ai crediti d’imposta e alle imposte da compensare.

 

Quali dati vengono inseriti?

Il Modello 730 contiene generalmente i dati della Certificazione Unica (prima chiamata CUD) che i sostituti d’imposta sono tenuti a consegnare ogni anno, entro il 31 marzo, ai loro lavoratori dipendenti o pensionati, indicandovi il reddito complessivamente erogato nell’anno precedente. Inoltre nella compilazione del Modello 730 vengono inseriti:

  • i dati di tutti gli immobili posseduti nell’anno precedente (affittati e non);
  • i dati delle locazioni;
  • i redditi da lavoro autonomo;
  • i redditi di capitale;
  • gli importi di tutti gli oneri deducibili o detraibili (ad esempio le spese sanitarie, le spese di ristrutturazione, i contributi previdenziali o gli interessi passivi sui mutui).

Cosa succede una volta consegnato il Modello 730?

Una volta che il contribuente ha consegnato la dichiarazione dei redditi, l’Agenzia delle Entrate ne comunica l’esito al suo sostituto d’imposta (il datore di lavoro o l’ente pensionistico). L’esito può essere a debito oppure a credito. A quel punto il sostituto effettua il conguaglio finale in base alle informazioni ricevute, trattenendo una parte della retribuzione se dall’esito risulta un debito, oppure incrementando la retribuzione qualora risultasse un credito.

La presentazione del Modello 730 ordinario, a differenza di come avviene per il modello precompilato, non può essere fatta dal contribuente in modo autonomo tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate. Il contribuente ha due possibilità:

  • può consegnare il 730 ordinario rivolgendosi entro il 7 luglio al proprio sostituto d’imposta, laddove quest’ultimo presti assistenza fiscale;
  • può rivolgersi entro il 30 settembre a un intermediario fiscale abilitato come CAF ACLI.

Come compilare e presentare il Modello 730 ordinario?

Affidandosi al servizio CAF ACLI, il contribuente non si deve preoccupare della compilazione del 730 ordinario, perché questo sarà il compito dello stesso CAF ACLI, che se ne assumerà la piena responsabilità sulla base della documentazione presentata.

È possibile presentare il 730 ordinario anche tramite il sostituto d’imposta, laddove quest’ultimo presti assistenza fiscale. Ricordiamo però che i sostituti d’imposta supportano il contribuente solo nella fase dell’invio all’Agenzia delle Entrate, quindi il contribuente deve provvedere di persona alla compilazione del 730 ordinario. 

Il Modello 730 precompilato è una dichiarazione predisposta dall’Agenzia delle Entrate sulla base delle informazioni ricevute da diversi operatori (sostituti d’imposta, banche, strutture sanitarie, società assicurative, ecc).

L’Agenzia delle Entrate, a partire dal 15 aprile di ogni anno, mette il 730 precompilato a disposizione dei lavoratori dipendenti e dei pensionati sul proprio sito. Il contribuente può dunque accedervi autonomamente, dotandosi di PIN, oppure può rivolgersi a CAF ACLI delegandolo alla verifica e alla successiva trasmissione.

 

Quindi il Modello 730 precompilato:

  • NON viene spedito a casa per posta cartacea;
  • NON viene spedito per e-mail al contribuente.

L’utilizzo del 730 precompilato è una scelta a disposizione del contribuente. Ciò significa che non costituisce un obbligo. Quindi il contribuente può semplicemente decidere, di sua spontanea volontà, di non considerare affatto il modello precompilato e di farne uno ordinario.

 

Quali sono le scadenze per la presentazione del 730 precompilato?

3 sono le scadenze per la presentazione del 730 precompilato:

  1. entro il 7 luglio tramite il sostituto di imposta, laddove quest’ultimo presti assistenza fiscale;
  2. entro il 30 settembre tramite gli uffici di CAF ACLI;
  3. entro il 30 settembre autonomamente tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Come accedere al 730 precompilato?

Tre sono le possibilità per accedere al 730 precompilato:

  • tramite il sostituto di imposta;
  • tramite CAF ACLI;
  • tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate.

 

Tramite sostituto di imposta

Il contribuente deve consegnare al sostituto d’imposta, oltre alla delega per l’accesso al Modello 730 precompilato, anche il prospetto dove va indicata la scelta di destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille.
Prima dell’invio della dichiarazione, e comunque entro il 7 luglio, il sostituto d’imposta deve consegnare al contribuente una copia della dichiarazione elaborata e il prospetto di liquidazione (cosiddetto Modello 730-3) contenente l’indicazione del rimborso che sarà erogato e delle somme che saranno trattenute.

 

Tramite CAF ACLI

Rivolgersi a CAF ACLI è una sicurezza e una garanzia. Il contribuente, infatti, previa delega che autorizza l’intermediario a scaricare e modificare (se necessario) il 730 precompilato, gliene affida l’elaborazione e la consegna all’Agenzia delle Entrate.
Al momento della trasmissione, l’intermediario appone sul modello 730 precompilato il cosiddetto “visto di conformità”, cioè la certificazione che i dati inseriti sono stati debitamente controllati. CAF ACLI, quindi, se dovessero essere riscontrati degli errori, pagherà non solo le sanzioni, ma anche la maggiore imposta non versata più gli interessi.

 

Tramite Agenzia delle Entrate

Chi sceglie di presentare autonomamente il 730 online si assume in prima persona la responsabilità di quanto dichiara. Per consultare il 730 precompilato occorre richiedere il PIN rivolgendosi agli uffici dell’Agenzia delle Entrate, oppure attraverso lo stesso sito dell’Agenzia, registrandosi al servizio Fisconline. In alternativa si possono utilizzare la Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o il cosiddetto SPID.
È possibile anche usare le credenziali rilasciate dall’INPS, dalla Guardia di Finanza o dal sistema informativo di gestione e amministrazione del personale della Pubblica Amministrazione – NoiPA. Il contribuente indica i dati del sostituto di imposta che effettuerà il conguaglio, compila la scheda per la destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille, e verifica l’esattezza dei dati precompilati.
Se il 730 precompilato online non ha bisogno di nessuna correzione, il contribuente lo può accettare senza modifiche. Se invece si riscontrano delle incongruenze e/o delle omissioni, è possibile modificarlo e/o integrarlo.

 

Cosa contiene il 730 precompilato?

In sintesi, le informazioni già presenti nel 730 precompilato sono le seguenti:

  • dati anagrafici;
  • redditi dei terreni e dei fabbricati;
  • redditi da lavoro dipendente e pensione (più eventuali altri redditi conseguiti dal dipendente o dal pensionato, come ad esempio redditi da lavoro autonomo o da prestazioni occasionali);
  • spese mediche (anche quelle sostenute per farmaci da banco, psicologi, assistenza infermieristica, ostetriche, ottiche, radiologiche);
  • interessi su mutui fondiari e agrari;
  • spese funebri;
  • spese di istruzione;
  • spese veterinarie (comprese quelle sostenute per medicinali ad uso veterinario);
  • spese per interventi di ristrutturazione ai fini del Bonus 50%;
  • spese per interventi di risparmio energetico ai fini del Bonus 65%;
  • spese per interventi condominiali comunicate dagli amministratori;
  • contributi previdenziali e assistenziali;
  • pagamenti relativi a previdenza integrativa;
  • premi di assicurazioni sulla vita;
  • le spese per asili nido;
  • le donazioni ad Onlus, associazioni di promozione sociale, fondazioni e ulteriori associazioni.

 

Cosa integrare al 730 precompilato?

I dati invece non ancora precompilati, quindi integrabili, sono:

  • le spese di affitto sostenute dagli inquilini con contratti di locazione;
  • le spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede;
  • le spese per le attività sportive per ragazzi;
  • tutte le altre spese detraibili e deducibili non inserite nel 730 precompilato da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Per prenotazioni